Posted on ago 12, 2012

Update

Stiamo scrivendo nuovi pezzi.
Non sappiamo dove finiranno e quando saranno pronti.
In perfetto stile Tellaro.

Posted on gen 27, 2010

About a song

DSC_9078

Between the sex we had and the concierge
Between what we thought was good a lot
And where we are stroking some twats.

Everything
Everything
Everything
Especially when the phone rings.

Posted on ago 2, 2007

Perspectives

Sono le 23.25 quando Francesco Cantone, Carmelo Sciuto e Tazio Iacobacci alias i Tellaro, gli opening della serata, fanno il loro ingresso sul palco, accompagnati dal bassista in prestito Giuseppe (cognome non pervenuto). Quello della band siciliana è uno show attento e preciso, poche parole tra un brano e l’altro, solo qualche sussurro di Cantone e poi largo al suono emesso delle chitarre e dei piatti di Tazio. Bastano solo sette pezzi per riscaldare il pubblico dei Mercati che premiano i quattro con sinceri applausi (soprattutto dopo She’s dancing) e con estemporanei attestati di stima ai vicini di posto del tipo: “ma lo sai che sono davvero bravi?” o “ma il loro cd dove lo vendono?”. Come i Fugazi, ad esibizione finita, i nostri sgombrano la scena in pochi secondi; nel frattempo fissiamo un’intervista con Francesco che ci raggiungerà dopo pochi minuti, insieme al batterista Tazio, davanti al bancone del bar:

Il Cibicida: Quando vi formate come band?
Francesco: Allora, io non ho una grande memoria però credo che la prima volta che abbiamo suonato insieme è stata nel 2000; Ognuno di noi proviene da progetti diversi, lui (indica Tazio, ndr) suonava con i Keen Toy, io nei Twig Infection e Carmelo (il chitarrista) nei Jerica’s. C’è pure un quarto, una new entry al basso, che si chiama Santi Pulvirenti (Tiromancino, Carmen Consoli) anche se stasera al suo posto ha suonato Peppe.

Il Cibicida: Avete pubblicato degli album?
Francesco: Abbiamo pubblicato un ep che non ha un nome per la 2nd rec di Amburgo che è la stessa casa discografica dei Giardini di Mirò e che ci spalleggia nell’esportare la nostra musica anche fuori, ci distribuiscono là e ci organizzano concerti. Siamo reduci da un tour in Germania dove abbiamo suonato con gli Slut, una band molto conosciuta e ci siamo divertiti parecchio.

Il Cibicida: Le vostre influenze musicali?
Tazio: Io non rispondo (ride) Francesco: In generale a questa domanda si risponde tachipirina… diciamo che ognuno di noi ha ascoltato delle cose diverse e adesso non so quello che ascoltano gli altri ma quello che ascolto io è del blues anni ’50.

Il Cibicida: Di che cosa parlano i vostri testi?
Francesco: Allora sono sempre storie di lui (Tazio) che cerca di trombare questa tipa, quando ci riesce è una canzone allegra, quando non ci riesce è una lagna totale. Tazio: E’ vero!

Il Cibicida: Progetti per il futuro?
Francesco: Il 5 settembre uscirà il nostro lp che abbiamo da poco finito di registrare, sempre per la 2nd rec. E adesso stiamo pensando al titolo, alla copertina, alla distribuzione e al tour che partirà dalla Germania in Ottobre per poi arrivare in Italia.

 

Posted on giu 17, 2007

In the land of delay who’s late is rich

That’s it. Second coffee made while Tellaro waits for the the first to display its much celebrated effect. In the meanwhile there’s time to shout out the word “done” at those of you who wanted to know more about our forthcoming album. Here are some unnecessary track-by-track notes.

  • Vacuum | 19 November 06 | G | Accidentally found extremely cool to play with vocal samples, so Tazio’s sister, when she was 3 of age, opens the track with her childish la-la-la. The soup is a cut & re-cut and (sometimes) paste mix of guitars, violins and other disasters. Francesco – while being away at his parents’ – sang the chorus on the phone with Tazio on the other end recording. Lyrics: people find attractive one another till further notice. The song begins just afterwards.
  • My life’s a fraction of the money in my pocket | March 07 | E – | Fast all-in-the-title tune with one drum machine and just a piano line. We’re Sicilian blokes, no doubt, i. e., with few perspectives. No doubt.
  • Seattle, Sicily | 28 June 06 | A | First track recorded ever since we’re a 2-some thing. Gospel mood on a semi electronic platform. Fed up with noise bands, noise drum-beats, noise attitude, noise stare, noise pose, noise whatever.
  • Dario whoranges | October 06 | G | Here one of Tazio’s friend, Dario makes a spoofy political speech on Sicilian independence party. All is all, the contrary too. It’s been the first time we’ve ever tried singing a choir-ish chorus. You guessed.
  • The divorce | November 06 | A | Found a 70′s record at Tazio’s grandma’s on mono to stereo musical breakthrough. Big deal, man. Got no wires at home, just a mike and a pc. Tazio recorded some bass lines with a Shure58 taped to the strings. Never being practicing with a particular sport, except for table tennis.
  • The Smartass & the Fool | 25 February 07 | D | Friends May come, friends May go especially in February. So open-wide lands, clear chords, lame scales, some go up, some don’t. Essentially a goodbye song. Originally called “Your ass is a mess”.
  • Maria | September 06 | D | In a word, Tazio’s grandma singing an old traditional Sicilian song. In Sicilian.
  • Life goes on | April 07 | A | There’s hope for everyone, especially those with a gun. Singing catastrophe with a smile in our face. Nothing more to say. Hey, the choir thing gets better!
  • Fighter | January 07 | E – | Just another average Avril Lavigne cover song.
  • Bad news don’t need to be introduced | December 06 | D | How to find electronic stupidity meaningful. We failed.
  • Zaurdetto (Zaurfatto) | 08 June 07 | A | Tino’s a rapper, he doesn’t know yet. Discovers modulation wheel by chance, starts off a glittering career. His brother an Ebay account. His mom is stuck to the tv as she tests which armpit stinks more.
  • Things are tired of being desired | 27 November 06 | E | Slow track with very old chords on the compulsive urge to buy everything over and over. Tazio’s old Kentucky uncle played slide guitar here. Thank you, Peter.

Till next time,
Tellaro